Visita il nostro 

sponsor

Napoli, sangue sulla movida di Chiaia: spari ai Baretti, feriti sei giovani. Sfida tra due gruppi di minorenni, colpi esplosi a bordo di scooter

Share

This post has already been read 114 times!

fonte: ilmattino.it

Sangue sulla movida di Napoli, nel “salotto” di Chiaia: sei giovani sono rimasti feriti, quattro per arma da fuoco e due per accoltellamento. Due gruppi di ragazzi, tutti minorenni, provenienti da san Giovanni a Teduccio e dai Quartieri Spagnoli si sono confrontati questa mattina alle 4 nella zona dei baretti di Chiaia. Via Carlo Poerio e via Bisignano sono stati i luoghi dello scontro degenerato nel ferimento dei sei ragazzi, di cui tre minorenni della periferia orientale e una minore di Montecalvario.

Il primo dei feriti ha 16 anni, colpito da arma da fuoco all’addome, in prognosi riservata Loreto Mare ma non è in pericolo vita. Il secondo è una quattoridicenne colpita da arma da fuoco alla gamba destra: 10 giorni di prognosi, sempre ricoverata al Loreto Mare. Il terzo ferito è un diciassettenne: trauma facciale ferita al naso, 10 giorni di prognosi, sempre al Loreto Mare. Il quarto è un giovane di 18 anni, ferito da arma da fuoco al braccio: 20 giorni, ricoverato al Vecchio Pellegrini. Il quinto è una ragazza di 19 anni, ferita da arma fuoco al seno destro: 30 giorni di prognosi al Vecchio Pellegrini. Il sesto è una ragazza di 14 anni: traumi vari per una caduta, al Vecchio Pellegrini.

FOTO di

Sono stati almeno sei i colpi esplosi da due armi diverse, sparati ad altezza d’uomo da due persone a bordo di uno scooter. Le indagini della Polizia hanno permesso di ricostruire, anche attraverso filmati di telecamere per la videosorveglianza, la dinamica del ferimento avvenuto la scorsa notte. Pochi minuti prima della sparatoria, una telecamera ha ripreso scene di una rissa tra due comitive. L’ipotesi più probabile è che dopo questa lite alcuni dei contendenti si siano allontanati per poi tornare a bordo di uno scooter e sparare contro l’altro gruppo. Al momento però non si escludono altre piste. I feriti non sono di Chiaia, ma provengono da quartieri popolari – Pallonetto di Santa Lucia, Quartieri spagnoli – e alcuni di loro hanno precedenti di polizia. Il più grave è un sedicenne colpito al torace, ricoverato con prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Guarirà in 30 giorni una 19enne raggiunta da un proiettile al seno; prognosi più lievi per una 14enne ferita a una gamba e un giovane – che compie proprio oggi 18 anni – raggiunto da un proiettile a un braccio. Due componenti della comitiva sono stati medicati in ospedale e poi dimessi per ferite lacero-contuse al volto, dovute probabilmente a pugni o cadute. Nella zona della sparatoria la Polizia ha recuperato sei bossoli, provenienti da due armi diverse, impugnate dai due giovani che hanno sparato dallo scooter.

Sull’episodio si è svolta una riunione operativa del Questore Antonio De Iesu, il capo dell’Upg Michele Spina e il capo della Mobile Luigi Rinella. Spiega al Mattino il questore: «E’ Inquietante la minore età dei ragazzi, affronteremo la questione in comitato per l’ordine pubblico e della sicurezza. Uno degli aspetti emerso dalle indagini è la minore età di questi ragazzi che sciamano fino alle 4 di notte e che danno spazio alle loro pulsioni, senza alcun controllo da parte delle rispettive famiglie. Tutto ciò accade nella movida napoletana che unisce giovani di estrazione diversa e portatori di stili di vita differenti. Valuteremo la possibilità di nuovi interventi e di nuove organizzazioni di contrasto di un fenomeno così complesso».

Domenica 19 Novembre 2017, 09:18 – Ultimo aggiornamento: 19-11-2017 16:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articolo proprietà della fonte




Leggi anche: