Visita il nostro 

sponsor

Guida alle CCcam e OSCAM: cosa sono, come funzionano, differenze con le IPTV

Share

This post has already been read 232 times!

fonte: inforge.net

1) Cos’è la CCcam? 

Le CCcam, cosa sono? Se non ne avete mai sentito parlare, o se state cercando delucidazioni questo post cercherà di chiarirvi le idee su tutto ciò che concerne il mondo delle CCcam e le differenze con le IPTV.

CCcam è un modulo di sistema di accesso condizionato simulato in un software (Softcam).
Viene utilizzato in ricevitori DVB liberamente programmabili per decodificare la TV a pagamento.

L’accesso condizionato:

Il compito principale di un softcam è quello di trasferire le “parole di controllo” decifrate in un registro del ricevitore, che a sua volta assume la decodifica del segnale TV desiderato.
La decrittazione delle parole di controllo a CCcam, fatto sia il recupero di una smart card del fornitore di servizi (collegato esternamente), tramite un emulatore software che emula una smart card (interna), o tramite la cosiddetta condivisione card (tramite Internet / rete di parole di controllo ulteriormente distribuiti, originario di solo una smartcard a molti ricevitori).Si sta parlando, dunque, di Card Sharing.

Card Sharing, cioè carta in condivisione; in pratica il possessore di una carta premium sky può condividere questa con altre persone che così possono decriptare i canali con un buon decoder e internet.

Tutto ciò è ALTAMENTE ILLEGALE e ricordiamo che LA GUIDA è A SCOPO INFORMATIVO. L’AUTORE DEL POST E LO STAFF DI INFORGE.NET NON SI PRENDONO RESPONSABILITA’ PER USI SCORRETTI DI QUESTA GUIDA.


 2) Come funziona la CCcam?

Occorrente:

1. Bisogna avere una connessione internet oltre 5 mega.

2. Serve un decoder. Il decoder non è altro che un mini computer con circa 40-100 mb di ram e un processore di circa 250 mhz. Quello che serve a voi però deve montare sistema operativo linux e deve avere la porta lan, cioè deve poter connettersi alla wi-fi. Per una buona marca potete scegliere dreambox e più precisamente box E1 o E2 (o anche altri basta che siano dreambox o compatibili). Il costo è sui 75 euro circa.

3. Infine vi serve un router per poter usufruire della connessione wi-fi con il vostro decoder.

Procedimento:

1. Collegare il decoder ad internet ed al televisore tramite wi-fi.

2. Installare un nuovo firmware modificato sul decoder chiamato “immagine”. Potrete scaricarlo dal sito originale della marca del decoder.

3. Attraverso un pannello presente nel decoder potrete aggiungere i canali e, oltre a questi, dovrete aggiungere una softcam per poter usufruire degli abbonamenti condivisi. Ci dovrebbe essere l’opzione nel vostro apparecchio.

4. Creare un dns (domain name server) che servirà a fornire al server che ospita l’abbonamento sky condiviso il nostro ip. Per creare un dns potete andare qui: NO-IP.com o qui: Freedns. Poi, individuato l’ip del nostro apparecchio, apriamo una porta dal pannello di controllo.

5. Ora dobbiamo editare inadyn (programa che viene installato con il firmware immagine) cosicchè quando l’ip cambia si aggiorni il dns

6. Infine dobbiamo editare il file della softcam precedentemente creata. In genere si chiama: CCcam.cfg e si trova nella cartella var/etc.

Esempio CCcam.cfg di un Client WAN (remoto)
C: mioHost.no-ip.info 12000 User Passwd

Esempio CCcam.cfg di un Client LAN (locale)
C: 192.168.1.5 12000 User Passwd


 3) Differenze tra CCcam/OSCAM/IPTV

La differenza tra CCcam IPTV è che CCcam ha una trasmissione in tempo reale con meno ritardo delle IPTV (4-5 secondi di ritardo). Con CCam non si ha la possibilità di vedere i canali SKY e Mediaset Italia (Mediaset canali esteri si, invece).

La differenza tra CCcam OSCAM sta nel fatto che OSCAM è decisamente più personalizzabile ed integrabile, tanto da relegare quasi tutte le altre emu a funzione di solo client anche della stessa OSCAM.

Quindi puoi usare entrambe però la OSCAM ha un protocollo open-source è free e potenzialmente sviluppabile e compilabile da chiunque su qualsiasi piattaforma a base linux.

Inoltre se opportunamente configurata risulta più veloce nella funzionalità server, verso i propri client.


 4) Quanto costa abbonarsi ad una linea CCcam?

Sul web ci sono diversi gestori con cui è possibile fare l’abbonamento ad una IPTV e solitamente le tariffe mensili sono di circa 8€, con sconti su pacchetti di 3/6/12 mesi. Ha un costo minore rispetto alle IPTV ma ha pecche non indifferenti, come la possibilità di non vedere SKY e Mediaset Italia.


 5) Rischi legali CCcam 

Come già accennato questa è una Guida Informativa e non ha scopo di promuovere l’uso illecito di CCcam e Card Sharing. Sono pratiche altamente illegali, infatti l’operazione di lettura e distribuzione domestica delle chiavi condivise configura un reato, in quanto integra la fattispecie penale prevista dall’art. 640 ter c.p. (frode informatica). Infatti la stessa operazione di “intercettazione” del flusso di chiavi dinamiche costituisce un intervento “senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti” in modo da procurare “a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno”. Infine il card sharing che coinvolge terzi perfeziona l’ulteriore reato di cui all’art. 171 octies legge 22 aprile 1941 n. 633 (Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio).


 La Guida tratta solo l’argomento CCcam e OSCAM. Se volete info riguardo le IPTV ecco a voi la guida: Guida sullo streaming IPTV

Disclaimer:
L’autore di questo post e Inforge.net non si assumono nessuna responsabilità dell’uso e sulla vendita di CCcam.
La guida è a puro scopo informativo. Ricordiamo che vendere CCcam è illegale e il card Sharing è altamente illegale. L’autore del post e Inforge.net non consigliano o invogliano in alcun modo a utilizzare CCcam.

 

Leggi anche: